La collezione

Da sempre l'impegno per le arti e gli artisti fa parte della filosofia aziendale di Montblanc. In questo senso, da più di dieci anni Montblanc ha iniziato a creare una collezione d'arte contemporanea. Le opere della collezione vengono esposte in tutti i principali punti aziendali: uffici, corridoi, dipartimento di produzione e ovviamente nel nuovissimo atrio della sede di Amburgo. Visite guidate da parte di artisti e storici vengono regolarmente offerte agli impiegati, mantenendo così vive le opere d'arte esposte. Nel 1998 Montblanc ha iniziato a contrattare con artisti e gallerie e nel 2002 il marchio ha presentato le prime 25 opere d'arte, fra cui una dell'artista statunitense Tom Sachs. Sachs ha accettato la sfida di reinterpretare l'emblema a forma di stella di Montblanc, simbolo della storica azienda, creando il primo lavoro su commissione.

Da allora, la collezione si è estesa a oltre 180 esclusive opere d'arte di vari artisti, fra cui Thomas Demand, Liam Gillick, Jonathan Meese, Sylvie Fleury, Jorge Pardo, Ugo Rondinone, Michel Majerus e Fang Lijun. Molti di questi artisti erano considerati all'avanguardia all'epoca in cui avevano ricevuto l'incarico: in pratica erano sul punto di divenire celebri in tutto il mondo. Oggi sono rinomati a livello internazionale e continuano ad avere un rapporto privilegiato con l'azienda. Montblanc apprezza particolarmente l'idea di poter osservare in modo esclusivo il marchio attraverso gli occhi di artisti rinomati in tutto il mondo e di vedere come lo reinterpretano in chiave contemporanea, poiché ritiene che sia fonte di ispirazione per nuove idee e per il proprio lavoro. La collezione, composta da oltre 180 opere d'arte, è anche accessibile al pubblico grazie a visite guidate.