Rina Banerjee

I riferimenti alla cultura orientale ed occidentale si mescolano nei grandi assemblaggi filigranati di Rina Banerjee e nei suoi lavori su carta ricchi di dettagli. L'artista, nata a Calcutta nel 1963, è emigrata negli Stati Uniti con la famiglia quando era bambina. Si è laureata presso la Yale University School of Art nel 1995 e vive a New York. Sempre sospesa fra vari mondi, nelle sue opere Banerjee esplora il colonialismo britannico in India, la percezione della terra natale e di quella straniera, nonché la ricerca di un'identità culturale.

Utilizzando materiali di tutti i giorni come piume, cavi, spezie, pellicole di plastica, ombrelli e i tessuti vivaci e colorati dei sari, l'artista realizza strutture immaginarie che spaziano nelle varie gamme creative, fra l'artificialità del design intellettuale e l'immediatezza delle origini biologiche. Nei suoi acquerelli dai colori intensi e vivaci, ai quali aggiunge materiali scintillanti, Banerjee crea magnifici scenari ispirati alle leggende indiane, nei quali esseri dalle lunghe unghie e dai capelli fluttuanti sembrano librarsi delicatamente nell'aria, prigionieri di un ambiente esotico.