Per saperne di più   Rassegna Montblanc

 

Gli artisti in cerca di ispirazione ricorrono ai sistemi più bizzarri: Antoine de Saint-Exupéry riempiva il suo taccuino mentre solcava i cieli in aeroplano, Pablo Picasso si chiudeva a chiave nel suo studio, Francis Scott Fitzgerald si affidava al gin e Truman Capote riusciva a pensare solo da sdraiato. Cosa stimola davvero la creatività e cosa fare quando si perde l’ispirazione ed il lampo di genio non vuol proprio arrivare? Per soddisfare la mia curiosità ho incontrato Joseph Hanimann, scrittore, giornalista ed esperto di Saint-Exupéry.

 

Joseph Hanimann è sia scrittore che giornalista ed in quanto tale conosce in prima persona il processo della scrittura creativa. Inoltre ha dedicato ampie ricerche ad altri scrittori ed alla genesi delle loro opere. Tra questi Antoine de Saint-Exupéry, di cui ha curato la biografia, e che non rappresentava affatto il prototipo di scrittore disciplinato che riempie pagine e pagine ogni giorno. «Metteva sempre anima e corpo nella scrittura. Se non aveva nulla da scrivere, semplicemente non scriveva» afferma Hanimann. Lo scrittore francese, nato nel 1900, traeva ispirazione dalle sue esperienze di vita vissuta. E la sua vita era incentrata sul volo. Antoine de Saint-Exupéry, infatti, fu aviatore dall’età di 23 anni sino alla sua prematura scomparsa a 44 anni. «Sono convinto che lo scrittore non sarebbe esistito senza il pilota e che il pilota sarebbe stato una figura noiosa senza lo scrittore» sostiene Hanimann. «Era di una fantasia esuberante, che aveva bisogno di bilanciare con la tecnologia e con la realtà esatta e tangibile».

Furono i voli ed i viaggi di Saint-Exupéry ad ispirargli i suoi celeberrimi romanzi? «Nelle storie che scriveva si rifaceva alle sue esperienze e le rielaborava. A volte utilizzava la scrittura come sfogo, più spesso elevava la sua esperienza ad una dimensione superiore arricchendola di significato» precisa Hanimann. Indubbiamente esistono analogie tra la vita di Saint-Exupéry e le sue storie. «Lavorò al suo primo manoscritto nel deserto, con la sabbia che gli soffiava intorno» afferma Hanimann. Analogamente a quanto avviene ne “Il Piccolo Principe”, Saint-Exupéry stesso fu costretto ad atterrare nel deserto nel 1935 e fu tratto in salvo solo dopo una marcia di cinque giorni attraverso quella distesa infinita di sabbia. Sembra che per lui il deserto fosse una fonte primaria di ispirazione. La creatività può essere legata a un luogo? «La creatività è sempre legata a un luogo» risponde Hanimann. «Non si può essere creativi nel vuoto».

Tuttavia non è possibile ridurre tutto all’esperienza. Quanto conta la disciplina nel processo creativo? «Ne “Il Piccolo Principe” Saint-Exupéry parla molto di disciplina, il termine “addomesticare” ricorre con frequenza» risponde Hanimann. «È necessario ordinare il caos del mondo. Ed in questo incontrava spesso difficoltà». Saint-Exupéry sperimentò mai il blocco dello scrittore? Secondo Hanimann, in un certo qual modo sì. «Non di rado ebbe problemi a trasformare le sue storie in romanzi. Sapeva cosa voleva dire, ma non riusciva a darvi completamente forma. Era una sorta di blocco dello scrittore». Come superava l’impasse? «Non aveva un metodo. Se esiste uno scrittore privo di un metodo creativo, questo è Saint-Exupéry. Era assolutamente disorganizzato. Se era bloccato, si sforzava finché non otteneva un risultato. Si trattava di pura improvvisazione, a volte confusionaria, ma anche spassosa».

Che ruolo gioca la cosiddetta musa? “La musa è una figura paradossale. Desideri farla apparire come d’incanto, ma non deve distrarti o interferire con il tuo lavoro. Insomma la vorresti ed al tempo stesso non la vorresti» continua Hanimann. Per Saint-Exupéry, la musa assumeva sembianze di donne, prosegue, donne estremamente importanti, ma non come fonti di ispirazione. Donne che lo incitavano, lo disciplinavano, quasi come un moderno career coach.

E Hanimann invece? «Io sono l’esatto contrario di Saint-Exupéry. Mentre lui non aveva rituali ed a volte addirittura scriveva su un aeroplano con il taccuino sulle ginocchia, per me i rituali sono fondamentali. La scrittura si affronta da soli e bisogna organizzarsi. Ho bisogno di abitudini» afferma Hanimann. Come molti scrittori ed artisti preferisce lavorare la mattina, forse perché il sole che sorge rispecchia lo sviluppo del processo creativo. «Per me l’ora tra le 13:30 e le 14:30 è sempre stata quella peggiore, un tempo morto» sostiene. «Non sono il solo a pensarlo. Nietzsche parla di “grande mezzogiorno”, ma in senso negativo, quando il sole arde implacabile. Ecco perché nei paesi del Sud hanno inventato la siesta». E come si comporta Joseph Hanimann in caso di blocco dello scrittore? «Faccio una sola cosa: metto da parte il mio manoscritto e mi dedico ad altro» risponde. «Il tempo è il miglior rimedio per superare il blocco dello scrittore». Quindi non ci si può costringere a scrivere? «In una certa misura occorre farlo» afferma riferendosi alla disciplina. «Tuttavia bisogna sapere fino a che punto spingersi e quando fermarsi per non rovinare tutto. Se ciò accade, non si deve fare altro che attendere un’ispirazione migliore. È fondamentale essere convinti che alla fine arriverà».

  • {{customTag1}} {{customTag2}}
    Roller Meisterstück Le Petit Prince LeGrand Roller Meisterstück Le Petit Prince LeGrand

    Roller Meisterstück Le Petit Prince LeGrand

    € 575,00
    SAVE Roller Meisterstück Le Petit Prince LeGrand
  • {{customTag1}} {{customTag2}}
    2 refill per roller (M) Le Petit Prince 2 refill per roller (M) Le Petit Prince

    2 refill per roller (M) Le Petit Prince

    € 15,40
    SAVE 2 refill per roller (M) Le Petit Prince
  • {{customTag1}} {{customTag2}}
    Penna a sfera Meisterstück Le Petit Prince Solitaire Doué Classique Penna a sfera Meisterstück Le Petit Prince Solitaire Doué Classique

    Penna a sfera Meisterstück Le Petit Prince Solitaire Doué Classique

    € 710,00
    SAVE Penna a sfera Meisterstück Le Petit Prince Solitaire Doué Classique
  • {{customTag1}} {{customTag2}}
    2 refill per penne a sfera (M), Le Petit Prince 2 refill per penne a sfera (M), Le Petit Prince

    2 refill per penne a sfera (M), Le Petit Prince

    € 16,40
    SAVE 2 refill per penne a sfera (M), Le Petit Prince
  • {{customTag1}} {{customTag2}}
    Custodia 6 scomparti Meisterstück Custodia 6 scomparti Meisterstück

    Custodia 6 scomparti Meisterstück

    € 125,00
    SAVE Custodia 6 scomparti Meisterstück
  • {{customTag1}} {{customTag2}}
    Bracciale Le Petit Prince Bracciale Le Petit Prince

    Bracciale Le Petit Prince

    € 300,00
    SAVE Bracciale Le Petit Prince
  • {{customTag1}} {{customTag2}}
    Astuccio per 1 strumento da scrittura Montblanc Sartorial Astuccio per 1 strumento da scrittura Montblanc Sartorial

    Astuccio per 1 strumento da scrittura Montblanc Sartorial

    € 100,00
    SAVE Astuccio per 1 strumento da scrittura Montblanc Sartorial
  • {{customTag1}} {{customTag2}}
    Stilografica Meisterstück Le Petit Prince LeGrand Stilografica Meisterstück Le Petit Prince LeGrand

    Stilografica Meisterstück Le Petit Prince LeGrand

    € 740,00
    SAVE Stilografica Meisterstück Le Petit Prince LeGrand